Immagine di un gruppo di giovani coinquilini che suonano insieme in un appartamento condiviso.
Farete subito amicizia in un appartamento in comune!

Per molti, la prospettiva di trasferirsi a New York è allo stesso tempo emozionante e spaventosa. Spesso chi decide di fare questo grande passo, si lascia alle spalle una cittadina che è più piccola, calma o meno densamente popolata di New York. Potrebbero anche lasciarsi indietro un gruppo di amici, la famiglia, o semplicemente un posto sicuro nella loro comunità. Nonostante un nuovo inizio è sempre eccitante, molti dei nuovi arrivati, soprattutto millennials (generazione di ragazzi nati tra il 1981 e il 2001), cercano di trasferirsi in una situazione che garantirà loro stabilità sia economica che emotiva. Scoprite anche voi l’ultima tendenza che sta rivoluzionando l’industria immobiliare: gli appartamenti condivisi.

Innanzitutto, la definizione: in un appartamento condiviso il proprietario affitta ogni stanza con un una propria quota di locazione. L’affittuario in un appartamento in comune avrà una camera da letto per sé e potrà godere dell’accesso alla zona giorno in comune, che spesso include cucina ed un bagno in comune.

  • Immagine del salotto in NY-17086 con cucina e tavolo da pranzo.
    L’open space di questo appartamento in comune è perfetto per socializzare.

Tuttavia, cosa rende un appartamento condiviso come questo diverso dagli altri è l’atmosfera che si respira: di solito, gli appartamenti condivisi hanno un’aria più da dormitorio. Le stanze vengono affittate una per una, il che significa che ogni inquilino è responsabile di pagare il proprio affitto. Gli affittuari rimangono per un certo periodo, pagano la propria quota, vanno e vengono in base alle proprie esigenze, al contrario di un appartamento condiviso dove gli inquilini firmano un unico contratto e perciò si trasferiscono o lasciano la casa nello stesso momento, sono responsabili di un canone condiviso e spesso sono ospitati dal proprietario dell’appartamento.

Oltre a questo, comunque, gli appartamenti condivisi offrono un’occasione unica per gli inquilini per conoscersi e per formare delle amicizie durature. Dato che l’appartamento fa praticamente da dormitorio, aree in comune come il salotto e la cucina diventano facilmente aree da usare per cene di gruppo, serate “giochi da tavolo” e ovviamente anche per occasionali maratone Netflix! Se invece preferite un ambiente più calmo, chiedete di un appartamento standard condiviso, dove gli stessi proprietari di casa potrebbero decidere di alloggiare e diventare così anche coinquilini.

Grazie al senso di comunità che offre, questo stile di vita si sta velocemente diffondendo come opportunità di alloggio per i millennials. Trasferirsi a New York potrebbe sembrare insostenibile – dopo tutto, state condividendo la città con altri 8 milioni di persone – ma un appartamento condiviso offre immediatamente ai nuovi arrivati una rete sociale e di supporto. L’attrattiva di un appartamento condiviso è diventata un’idea ancor più diffusa grazie a show televisivi come Friends. Inoltre, oltre alla possibilità di trovare un gruppo di amici unito come quello della serie TV, un appartamento condiviso è anche un ottimo modo per risparmiare sull’affitto!

Immagine di ristorante a Bushwick, Brooklyn
Gli angoli più amati di Bushwick, come Elsewhere, sono posti perfetti per conoscere gente e fare amicizia

Mano a mano che aree di Brooklyn come Bushwick diventano luoghi di ritrovo per millennials, la popolarità della vita in spazi condivisi qui è sul punto di esplodere. Bushwick è una destinazione amata dai millennials, soprattutto quelli alla ricerca di uno stretto senso di comunità, grazie all’atmosfera giovane del quartiere. Come già detto della prima parte dell’articolo, Bushwick è il posto perfetto per andare alla ricerca di oggetti di seconda mano e mercatini delle pulci, caffetterie, ristoranti, bar e una vita notturna affollata da ragazzi. I newyorchesi amano la scena artistica emergente e la vasta scelta di locali per gli spuntini notturni, e il riversarsi nei loro angoli preferiti come Elsewhere e House of Yes.

Se pensate che un appartamento condiviso faccia per voi, l’aria amichevole di Bushwick completerà la vostra scelta. Fate il grande passo in estate per avere l’occasione di socializzare con i vicini e partecipare ad eventi di benvenuto come il Bushwick Collective Block Party. Per esserne ancora più convinti, ci siamo fermati a chiacchierare con uno dei pezzi grossi del mercato immobiliare di Brooklyn, Stephon Hines, e gli abbiamo chiesto perché secondo lui New York è il posto perfetto per condividere un appartamento.

Un appartamento in comune è la cosa giusta per te?

Come può quindi un appartamento condiviso essere la cosa giusta per voi? Magari state lasciando il vostro paese per una grande città, magari siete studenti in cerca di un po’ di flessibilità in più e di un’esperienza maggiore rispetto a quella di un dormitorio, o magari venite da un’altra nazione e cercate amici quando siete lontani da casa. Se questo è il vostro caso, prendete in considerazione il cercare appartamenti condivisi con New York Habitat – offriamo sistemazioni con date flessibili, stanze con accesso ad un bagno privato e case alternative per studenti. Sfruttare l’opportunità di vivere in un appartamento ammobiliato a New York significa vivere come un abitante del posto, e se l’appartamento condiviso potrete anche andare oltre e crearvi il vostro gruppo di “Friends”, amici, (o semplicemente per fare un brunch insieme) anche dentro la città!