New York Habitat
New York Habitat
 +1 (212) 255-8018
Home > Blog > New York

New York

Foto di Williamsburg, Brooklyn Williamsburg è un quartiere alla moda e pieno di brio che si affaccia sull’East River

Il distretto di Brooklyn è sempre stato quello che è uscito un po’ fuori dal coro, con la sua ricca varietà di enclavi culturali, il suo tripudio di arte e architettura e le sue attrazioni all’aria aperta, che lo contraddistinguono dal resto di New York. (Date un’occhiata a questa guida turistica di Brooklyn per averne un’ulteriore conferma). Bisogna ammettere, comunque, che nel corso degli ultimi anni la popolarità del distretto è cresciuta notevolmente. Sebbene il quartiere di Williamsburg esista sin dall’inizio del XIX secolo, è solo nell’ultimo decennio che è divenuto il manifesto per la progressiva affermazione di Brooklyn.

Benvenuti a Williamsburg, Brooklyn

Williamsburg si trova nella zona più occidentale di Brooklyn. Il quartiere è situato a nord di Bedford-Stuyvesant, a sud di Greenpoint, ad ovest di Bushwick e ad est di East River. Originariamente fulcro industriale, Williamsburg è ora legato alla scena musicale hipster e indie. Come gran parte di Manhattan, il distretto abbonda di celebrità, che spaziano dai residenti attuali come gli attori Ed Westwick e Zoe Kravitz, a quelli nati o cresciuti nel quartiere prima del cambiamento, come lo scrittore Henry Miller, la celebrità pluri-premiata Barbra Streisand e il cantante Barry Manilow. Leggi l’articolo qui…»

 

Immagine del Traghetto di Staten Island Il Traghetto di Staten Island al Porto

Benvenuti al terzo appuntamento della nostra nuova serie, “In giro tra i quartieri di New York”! Nel primo articolo abbiamo introdotto il Bronx e nel secondo ci siamo occupati del Queens. È arrivato il momento di parlare di un quartiere di NY spesso trascurato: Staten Island. Certo, questo quartiere potrebbe non essere convenzionalmente urbano come gli altri (la riva sud è proprio accanto a New Jersey), ma la gente del posto sa che il suo ambiente unico è ciò che lo rende speciale. Le gemme di Staten Island (spiagge, un giardino botanico, un museo sul lungomare) restano sconosciute alla maggior parte dei turisti e anche alla maggior parte dei newyorkesi – e questo piace agli abitanti di Staten Island.

Benvenuti a Staten Island

Dei cinque quartieri, Staten Island è il meno popolato ma è il terzo per ampiezza, con 153 km², il che lo rende più suburbano rispetto agli altri. Gli isolani possono raggiungere Brooklyn, Manhattan e il Queens dalla riva nord; il New Jersey è raggiungibile dalla riva sud. La gente del posto considera le due parti molto diverse; le persone tengono molto alla propria zona mentre, di tanto in tanto, deridono l’altra. Ma entrambe presentano caratteristiche interessanti: i parchi a sud sono tra i migliori del quartiere e l’ambientazione settentrionale è sicuramente più urbana (e più vicina a Manhattan).

Immagine del traghetto sull’acqua Il Traghetto che viaggia in direzione del Porto di New York

Staten Island è l’unico quartiere a non essere collegato al resto della città attraverso un sistema metropolitano, un elemento questo che ha forse contribuito al suo soprannome di “il quartiere dimenticato”. Anche se spesso la gente si lamenta per la mancanza della metropolitana, il quartiere dispone di mezzi di trasporto alternativi – e la maggior parte di loro sono gratuiti! C’è un traghetto che viaggia da Manhattan gratuitamente e allo stesso modo un treno che attraversa tutta l’isola. Potreste aver sentito parlare del Traghetto di Staten Island. È famoso per essere una grande barca che passa vicino alla Statua della Libertà, per dare l’opportunità ai turisti di scattare una fotografia. È anche il principale mezzo di trasporto per i pendolari che vanno o tornano dal lavoro. Il traghetto viaggia dalla riva nord di Staten Island verso Lower Manhattan, vicino a Battery Park. Quindi, la prossima volta che andate a Lower Manhattan, prendete in considerazione di visitare Staten Island! L’unica stazione con una tariffa è St. George (la sede del traghetto) e la fermata direttamente precedente: Tompkinsville. L’auto è il mezzo di trasporto preferito a Staten Island e la maggior parte dei residenti ne posseggono una. Con l’auto gli abitanti di Staten Island possono raggiungere facilmente il resto della città e il New Jersey utilizzando quattro ponti: il Verrazano-Narrows Bridge, il Outerbridge Crossing, il Bayonne Bridge e il Goethals Bridge. Se vi interessa l’architettura dei ponti, leggete il nostro articolo sui migliori 5 ponti di New York. Leggi l’articolo qui…»

 

Empire State Building skyline tramonto Il sole tramonta dietro a New York e all’ Empire State Building

Complimenti, ce l’avete fatta! Siete a New York City, la più grande città americana, centro di arte, affari e cultura. Le vostre giornate sono piene di entusiasmanti attività dall’alba al tramonto e le serate sono avvolte da un turbinio di luci e spettacoli di Broadway. Ma se non avete pensato di cercare i posti migliori per guardare il tramonto, allora vi state perdendo una grande opportunità! Da New Jersey al Queens e da Harlem a Wall Street, questi sono i 5 posti migliori in assoluto per ammirare il tramonto nella città che non dorme mai.

1. Hudson River Park

One world trade center tramonto Osservate il tramonto illuminare il One World Trade Center

Estendendosi da 59th Street a Battery Park, Hudson River Park è il secondo maggiore parco di Manhattan. Una delle sue caratteristiche peculiari è la pista ciclabile e pedonale lunga circa 8 km, e il percorso in kayak gratuito presso il molo 40 (Pier 40), che è sempre molto gettonato. Si tratta di un ottimo posto per praticare yoga o anche semplicemente per meditare sul senso della vita. É vero che venite per le attrazioni ma resterete per il panorama – da qualsiasi punto del parco si può vedere tutta Jersey City e la Statua della Libertà. Ovviamente, però, se desiderate davvero una vista tutta per voi, dovreste dare un’occhiata a questi appartamenti con una splendida vista di New York. Leggi l’articolo qui…»

 

Immagine del Rockefeller Center durante il periodo natalizio Il Rockefeller Center resta il più iconico durante lo scintillante periodo natalizio

Come per qualsiasi metropoli, ogni occasione è buona per visitare New York, ma niente – proprio niente – è come la Grande Mela durante il periodo natalizio. I negozi addobbano le vetrine che risplendono, le strade profumano di menta piperita e castagne e si sente il suono dei campanellini davvero in ogni angolo della città. Dalla metà di novembre agli inizi di gennaio la città è ricca di feste, grazie all’arrivo imminente di tre ricorrenze, tutte a poche settimane una dall’altra: il Giorno del Ringraziamento, il Natale e il Capodanno.

New York sa come usare tutte le sue risorse quando si tratta di celebrare questo trio di festività, ospitando una leggendaria parata, mettendo in scena magnifici spettacoli di Natale o facendo il conto alla rovescia per il 2015 in uno stile pazzesco. (Ricordate che l’affluenza è maggiore in questo periodo dell’anno e lo stress potrebbe prendere il sopravvento. Ma prendete confidenza grazie alla nostra guida per turisti a New York, e sarete in perfetta forma per visitare la città senza ostacoli.) Lasciateci essere la vostra guida allo shopping migliore e ai migliori eventi durante il periodo natalizio, mentre voi vi preparate a festeggiare con i vostri cari e ad accogliere il nuovo anno! Leggi l’articolo qui…»

 

Probabilmente non c’è da sorprendersi: New York offre alcune delle pizze più buone al mondo. È una delle molte cose per le quali la Grande Mela è famosa, nonché un piatto base della dieta newyorkese. La volete con mozzarella fresca? Perché non provate la Grandma Pizza? A questa specie di margherita cucinata in teglia potreste anche aggiungere delle verdure! Con talmente tanta scelta c’è sicuramente un tipo di pizza per ogni membro della famiglia. La pizza è un pasto relativamente economico, ma anche un modo facile per rendere il vostro soggiorno a New York veramente autentico. Qui le strade abbondano di pizzerie tra cui scegliere e, anche se giuriamo che sono tutte buone, siamo riusciti a sceglierne dieci tra le migliori. Ecco la nostra lista delle migliori pizzerie di New York:

Lombardi’s Pizza: la pizza al forno a legna

Immagine di una pizza di Lombardi’s appena sfornata. La pizza di Lombardi’s

Le imitazioni potranno mai essere come l’originale? No, ed è per questo che la pizza di Lombardi’s resta la migliore. Vantando il titolo di prima pizzeria aperta in America, è rimasta sulla stessa strada per più di 100 anni e, recentemente, il locale è stato persino espanso in modo da poter accogliere ancora più clienti affezionati. Non potete non trovarla, basta cercare la foto della Gioconda che tiene in mano una pizza! Tutte le pizze di Lombardi’s sono cucinate al forno a legna e servite con una sottile crosta ben abbrustolita e croccante alla perfezione. Grazie all’ampliamento della pizzeria ci sono più posti a sedere e le lunghe file d’attesa si sono accorciate, e ora c’è anche un bar che serve birra e cocktail. Lombardi’s si trova al 32 di Spring Street, nella Nolita (Nord Little Italy), e la si può raggiungere prendendo la linea 4 o 6 fino alla fermata Spring Street. Noi andiamo pazzi per la White Pizza: al costo di 18,50$ (porzione “small”) avrete questa pizza bianca servita con mozzarella, ricotta, pecorino, origano, basilico, pepe nero e olio aromatizzato all’aglio, ovviamente senza pomodoro.

Orari di apertura: lunedì – giovedì e domenica dalle 11:30 alle 23; venerdì e sabato dalle 11:30 a mezzanotte.

Una curiosità: Questo locale accetta solo contanti. Non avete nessun dollaro in tasca? Non preoccupatevi, c’è un bancomat all’interno della pizzeria. Leggi l’articolo qui…»

 

Considerato il suo ruolo di importante epicentro culturale, non dovrebbe sorprendere che New York trabocchi di musei famosi in tutto il mondo. Se vi interessano l’arte, la storia o la cultura, troverete una mostra pronta a soddisfare ogni vostra curiosità. Perché non cominciare dal “miglio” di gallerie d’arte più famoso di New York, noto come “Museum Mile”?

Alcuni isolati più lungo di quanto indichi il suo nome (Museum Mile significa letteralmente “Miglio dei musei”), il leggendario Museum Mile va dalla East 82nd Street alla East 105th Street, lungo la 5th Avenue nell’Upper East Side (date un’occhiata da vicino all’Upper East Side cliccando qui) e nel quartiere di Spanish Harlem. Nato negli anni ’70, questo tratto di strada ha assunto poi il nome attuale per enfatizzare l’importanza culturale dei suoi nove musei. Il Mile ospita ancora oggi quelle nove istituzioni culturali (si è aggiunta poi la decima, il Museum for African Art, aperto nel 2012 alcune strade più a nord della East 105th Street) ed è noto anche per i suoi negozi e ristoranti. Alcune linee degli autobus e le linee 4, 5 e 6 della metro, vi permetteranno di raggiungere le varie tappe del Museum Mile. Ci saranno meno di una dozzina di musei lungo questo tratto della 5th Avenue, ma non lasciatevi ingannare: ci vorrà più di una settimana per visitarli tutti. Non preoccupatevi per questo, grazie alle nostre case vacanza di New York avrete un tetto sopra la testa durante il vostro soggiorno newyorkese.

1) El Museo del Barrio

Immagine de El Museo del Barrio. Foto: Luis Camnitzer. El Museo del Barrio ricostruisce per i visitatori i secoli di storia dell’arte ispanica. Foto: Luis Camnitzer.

Con la sua collezione permanente di ben 6.500 oggetti d’arte, El Museo del Barrio è diventato un prestigioso museo, sviluppatosi grazie alla stessa comunità che ne ha sostenuto l’apertura. Celebrazione dell’arte portoricana, caribe e latinoamericana, a El Museo potrete trovare qualsiasi cosa, da manufatti provenienti dai Caraibi, a opere d’arte ispanica contemporanea. Questa galleria si distingue per la sua raccolta di lavori d’arte grafica realizzati da portoricani, ispirata in parte alle stampe di messicani e messicano-statunitensi (che occupano un’altra sezione nel museo). Non perdetevi la vasta collezione dei Taino, dove troverete prodotti in ceramica e in pietra lavorati da questi indigeni nativi dei Caraibi, e quella sull’arte popolare latinoamericana. Leggi l’articolo qui…»

 

Immagine dello skyline di Manhattan Skyline di New York

Chiudete gli occhi e immaginate che state per svegliarvi a New York dopo un lungo e riposante sonno. Non in un distretto qualunque, ma in un quartiere centrale di Manhattan stessa. Vi strofinate gli occhi, vi alzate e vi stiracchiate per prepararvi a un’altra eccitante avventura nella Grande Mela! Guardando fuori dalla finestra, vi trovate di fronte ad una scena mozzafiato: forse sono i famosi grattacieli di Manhattan, l’iconica Statua della Libertà e il luccichio del porto che la circonda o magari l’Empire State Building… Ora aprite gli occhi. Stiamo parlando di un sogno che può diventare realtà! A New York c’è tutta una vasta scelta di appartamenti di diverso genere che offrono dei panorami suggestivi della città; vi faranno vivere un’esperienza imparagonabile e vi permetteranno di fare i più bei scatti della vostra vita!

Ci piacerebbe aiutarvi a trovare la sistemazione perfetta grazie alla nostra lunga lista di appartamenti a New York. Concedetevi una pausa dallo stress della vita di tutti i giorni con le nostre case vacanza oppure assaporate appieno la Grande Mela affittando un appartamento ammobiliato! Con una destinazione così entusiasmante come Manhattan è importante assicurarsi comfort e serenità scegliendo la casa giusta. Cosa c’è di più “adatto” che svegliarsi con una vista panoramica su grattacieli, fiumi e parchi famosi? Leggi l’articolo qui…»

 

Il nomignolo di ‘la città che non dorme mai’, affibbiato ormai da tempo a New York, sembra decisamente appropriato, data la frenesia della Grande Mela, che rappresenta tra l’altro la cornice ideale all’interno della quale osservare l’alternarsi delle stagioni nel loro massimo splendore. Qui troverete una lista dei migliori eventi annuali organizzati a New York, selezionati con cura dallo staff di New York Habitat, e assolutamente da non perdere, sia che si staglino su un animato sfondo primaverile, che nel bel mezzo della luminosa estate, o ancora tra le tonalità oro dell’autunno o nell’atmosfera frizzante dell’inverno newyorchese.

Il capodanno cinese (anche conosciuto come il Festival della Primavera)

Non esiste modo migliore per festeggiare l’inizio del calendario cinese che mentre si è a New York, culla della più ampia popolazione di cinesi residenti in America di tutti gli Stati Uniti (dai un’occhiata alla nostra guida di Chinatown). Per tradizione la data dei festeggiamenti veniva stabilita in base al calendario lunisolare, ma con l’adozione del calendario gregoriano in Cina, il capodanno lunare ha luogo verso fine gennaio/inizio febbraio (la data precisa cambia ogni anno). Inizialmente una festività volta ad onorare i valori cinesi per eccellenza (gli antenati, le divinità, il senso del dovere nei confronti della famiglia) e un momento durante il quale prepararsi per l’anno che sta per arrivare, il capodanno cinese rappresenta al giorno d’oggi più un’occasione per commemorare la cultura cinese.

Sullo sfondo di New York, le manifestazioni più importanti che fanno da cornice all’evento sono il festival e la sfilata del nuovo anno lunare a Chinatown, a partecipazione libera (Chinatown Lunar New Year Parade and Festival, che si snodano lungo i viali principali di Chinatown, da Mott Street a Forsyth Street); e il festival e la cerimonia dei mortaretti (New Year Firecracker Ceremony and Cultural Festival, presso il Sara Roosevelt Park). Il fascino dei primi sta tutto nei carri coloratissimi, nelle acrobazie, e nelle esasperate danze del dragone; il secondo evento ammalia invece gli spettatori grazie a fantastici fuochi di artificio. E non dimenticatevi di vestirvi in rosso, il colore simbolo di gioia e di buona sorte nella cultura cinese.

La parata di San Patrizio

imagine della parata giorno di san Patrizio. l’orgoglio celtico pervade l’atmosfera durante la sfilata del giorno di San Patrizio a marzo.

New York è davvero una città popolata da immigrati, e non c’è occasione in cui ciò si manifesta in maniera più palese che quando si osserva l’immensa partecipazione di cui sempre gode la parata di San Patrizio, da molti considerata la più importante della Grande Mela. Ogni anno, il 17 marzo (nel caso in cui cada di domenica, l’evento viene spostato a sabato 16), migliaia di spettatori affollano la Fifth Avenue (da 44th Street a 79th Street) per godersi la parata, all’interno della quale non mancano suonatori di cornamusa e bande e danzatori che sfoggiano tradizionali vestiti celtici. Leggi l’articolo qui…»

 

Sembra che non ci sia mai un momento inappropriato per gustarsi un buon gelato. Fortunatamente, se le vostre papille gustative saranno in cerca di un gusto fresco, cremoso e delizioso, non avranno che l’imbarazzo della scelta mentre sarete in giro per New York!

Vi proponiamo una lista delle dieci, a nostro avviso, migliori gelaterie di New York (in ordine casuale)!

1) Melt Bakery

Foto di creamwich al Melt Bakery la gelateria Melt Bakery è specializzata nei creamwich (dal nome decisamente azzeccato): un ripieno alla crema che si discioglie tra due biscotti rotondi.

Nello storico Lower East Side si trova un panificio ecosostenibile specializzato in un’eccezionale prelibatezza culinaria: il creamwich. Per i profani: un creamwich è composto da due biscotti rotondi, tra i quali si insinua una tortina di gelato. I comproprietari Julian Plyter e Kareem Hamady fondarono l’azienda in occasione di una fiera all’aperto nel 2010, per poi aprire un negozio in Orchard Street due anni dopo. Un creamwich di dimensioni normali vi costerà 5 dollari, una mini delizia vi alleggerirà invece il portafogli di 3 dollari. L’interno del negozio ha dimensioni piuttosto ridotte e non c’è la possibilità di sedersi, quindi immaginatevi il posto più che altro come un take-away, e l’insegna non è particolarmente vistosa, quindi prestate attenzione mentre passeggiate per i negozi in quest’area di Orchard Street. I fornai alla Melt Bakery usano ingredienti locali e il menu varia in base alle stagioni, insomma, in ogni occasione ci sarà sempre un nuovo gusto da assaporare (a giugno 2014 ce ne sono sei tra cui scegliere). Potreste ad esempio buttarvi sulla versione classica, una deliziosa combinazione tra un biscotto alle noci con gocce di cioccolato e di gelato alla vaniglia. E se siete amanti di cheese cake, Il “Lovelet”, un biscotto che vi si scoglie in bocca con un ripieno di formaggio, vi farà davvero impazzire. Ubicato al 123 di Orchard Street, il panificio è aperto ogni giorno della settimana, dalla domenica al giovedì da mezzogiorno alle 8 di sera, e il venerdì e il sabato da mezzogiorno alle 22. E’ semplicissimo raggiungere la Melt Bakery in metropolitana: la stazione della metro di Delancey-Essex Street (servita dalle linee F e J) si trova a pochi isolati di distanza. E dato che sarete nei paraggi, fatevi un giretto per il Lower East Side dando un’occhiata alla nostra pratica guida del quartiere.   Leggi l’articolo qui…»

 

Foto di un complesso d'appartamenti a schiera nelle strade del Lower East Side Complesso d'appartamenti a schiera sulle strade del Lower East Side

Al nome di Manhattan chiunque associa i centri commerciali, i palazzi altissimi del centro città e il Financial District. Quello che in molti non sanno è che, in realtà, la vera ricchezza che ha reso la città così famosa in tutto il mondo risiede nei più piccoli quartieri di New York. Un esempio calzante di tutto questo? Il Lower East Side di Manhattan, una delle destinazioni d’obbligo per chiunque cerchi un’autentica esperienza newyorkese!

Benvenuti della Lower East Side di Manhattan

Il Lower East Side è stato per lungo tempo il quartiere della classe operaia, casa di stranieri in cerca di fortuna in America. Non vi stupirà allora sapere che questo quartiere ha accolto una varietà culturale composta da ebrei, italiani, irlandesi, polacchi e ucraini, fino a diventare la Little Germany newyorkese. Più recentemente il quartiere ha accolto grandi comunità portoricane e dominicane, ma dei primi anni del 2000 è cominciato un veloce processo di modernizzazione della zona. Un quartiere storico, conosciuto per la sua ricchezza culturale e per la sua scena musicale notturna.

Il Lower East Side è identificabile come la zona compresa tra East Houston Street a nord, Canal Street a sud, Bowery ad ovest e l’East River ad est. Per una serie di fattori il National Trust for Historic Preservation, ente dedicato alla salvaguardia dell’architettura tradizionale, ha incluso il Lower East Side nella sua lista dei luoghi più preziosi d’America. Le linee metro che circolano in questa zona sono la J, la F e la M. Leggi l’articolo qui…»